Big Green EGG non è un semplice barbecue, ma nulla vieta di usarlo per preparare i migliori classici della cucina ai ferri. Dalle ali di pollo più buone e succulente, agli hamburger più succosi fino ad un bel brisket sostanzioso. Ralph de Kok, uno degli esperti del Big Green Egg, torna in quest’occasione alle origini, con alcune ricette della tradizione americana del BBQ.

I PRINCIPI BASE DELLA COTTURA SUL BARBECUE.

Il Big Green Egg è noto per il gusto straordinario che riesce a dare a piatti e ingredienti. Ma anche doti come qualità, stabilità e versatilità hanno convinto molti a scegliere questo strumento per la cottura a 360°. Permette infatti di preparare un’infinità di pietanze, dai piatti unici, al pane fresco, ai grandi protagonisti della cottura alla brace.

Di solito, i classici del BBQ sono piatti alla griglia. Basta guardare al passato, infatti, per rendersi conto del fatto che i primi barbecue non erano altro se non strutture che permettevano, in un modo o nell’altro, di cuocere gli ingredienti, e in particolare la carne, su una griglia posta sopra ad uno strato di brace. Grazie alla cultura americana del barbecue e dopo aver scoperto il kamado giapponese, Ed Fisher, fondatore della Big Green Egg Inc., ebbe la geniale intuizione di inserire una griglia in quello che era, di fatto, un forno in ceramica. Nacque così uno strumento per la cottura a tutto tondo, che può essere utilizzato per cuocere gli alimenti sulla griglia o al forno, ma anche per la bollitura, la cottura a fuoco lento, l’affumicatura e per la cosiddetta cottura “low & slow”. Nel corso degli anni, Ed Fisher continuò a perfezionare la sua invenzione, per arrivare infine ad un design originale, realizzato con i materiali migliori. Nasce così il moderno Big Green Egg.

COPERCHIO CHIUSO

Anche nella preparazione di piatti classici della tradizione del BBQ, Big Green Egg presenta un grosso vantaggio. Sul Big Green Egg, infatti, la cottura alla griglia e tutti gli altri tipi di cottura avvengono a coperchio chiuso. Gli ingredienti rimangono più succosi e il grasso che eventualmente cola dalla griglia non può prendere fuoco, riducendo così il rischio di fiammate e di bruciature durante la preparazione. A volte, può essere utile ricorrere agli accessori. Per il pollo, i cui tagli vengono spesso cotti alla brace, c’è convEGGtor, che garantisce un bel risultato croccante. Per l’hamburger migliore consigliamo la normale cottura sulla griglia, ma per rendere sorprendente questo classico perché non provare a farcirlo? Un bel pezzo di carne, come la punta di petto di manzo, che è l’ingrediente principale del brisket, necessita invece di una cottura a bassa temperatura. Solo così è possibile preparare alla perfezione questo taglio decisamente difficile. Il brisket ha fama di asciugarsi troppo, ma il livello di umidità ottimale all’interno dell’EGG permette di ottenere un risultato succoso. Insomma, Big Green Egg offre infinite opportunità per chi vuole preparare i grandi classici in modo più semplice e sorprendente, ma sempre con il massimo del gusto!

Zelf BBQ classics bereiden op de Big Green Egg? Probeer deze 3 recepten!